Archivio dell'autore

The Young Gods “Everybody knows”

di

Inconfondibili.

Ripplegroove “Under the Microscope”

di

Un trio praticamente sconosciuto, un trio musicale, energico e divertente. Ripplegroove (ora Redux) fondono semplicità e talento, sfoggiando un sound organico e dinamico tra Rock, Funk e Jazz.

John Scofield “A Go Go”

di

Un incontro decisamente curioso tra il chitarrista John Scofield ed i funanbolici e folli Medeski, Martin & Wood, tra il morbido e scorrevole Jazz di Scofield e la contaminazione Funk, Trip Hop del… Continua a leggere

Oscar Peterson “Oscar Peterson meets Roy Hargrove And Ralph Moore”

di

Un disco pieno di allegria e buona musica, un quintetto meraviglioso, piacevole da ascoltare. Roy Hargrove e Ralph Moore alla tromba e sax tenore rispettivamente, sono favolosi; un Pedersen strepitoso.

Carbon Based Lifeforms “Hydroponic Garden”

di

I primi bagni della stagione hanno sempre un effetto elettrizzante seguito da un completo rilassamento del corpo; l’acqua fredda mi riporta ad uno stato emotivo che in qualche vita o esperienza ho vissuto,… Continua a leggere

Aes Dana “Perimeters”

di

La primavera alle porte e le tensioni sembrano svanire dietro le luci e i colori degli alberi stagliati nel cielo azzurro; un profondo respiro e un momento di assoluto relax. Vi presento un… Continua a leggere

Ott “Blumenkraft”

di

Ritorno con calore e buoni propositi per questa primavera, vi propongo un disco del talentuoso Ott, un genio inglese della Elettronica.

Bobby Hutcherson “Skyline”

di

Il cielo è coperto e la primavera ancora troppo lontana, so che affronterò una settimana intensa e voglio riposare lo spirito prima di ricominciare; ecco, metterò proprio questo disco, un gioiello!

Mr Bungle “Mr Bungle”

di

Avevo promesso un altro disco di Zorn, ed eccolo, ma in veste di produttore e trombettista. Cito Allmusic per descrivere questo disco “vertiginoso, sconcertante, un giro schizofrenico attraverso praticamente qualsiasi stile rock, passando… Continua a leggere

John Zorn “The Goddess”

di

Prima o poi sarei arrivato a Zorn, molte strade mi avrebbero portato ad uno dei suoi dischi, eccolo infine Zorn inusuale ma sorprendente.

The Modern Jazz Quartet “The Sheriff”

di

Un po Swing un po Blues come la mia vita, con una giusta dose di ottima Bossanova questo classico e avvincente disco del The Modern Jazz Quartet.

Ahmad Jamal “Ahmad’s Blues”

di

Questo è il disco di un’amicizia, il disco con cui un’amicizia è iniziata e che al suo quasi ventennio continua a produrre un curioso scambio musicale; non potrebbe essere più leggera e semplice… Continua a leggere